DATA:
Bollettino Agronomico 9 2015



Il grande caldo rallenta l’avanzare della fase fenologica

Meteo: seconda decade di luglio rovente! Temperature sopra i 35°C (medie di 27-29°C) e umidità attorno al 65-70%!

Fenologia: nessun avanzamento delle fasi fenologiche (ancora prima invaiatura nelle cultivar precoci e qualcosa nel Merlot) a causa del permanere di condizioni termiche critiche per la fisiologia della pianta.

Patologie: marginale la presenza della Peronospora. In particolare qualcosa si riscontra nelle ultime foglie e nelle femminelle, come puntualmente sempre accade in questo periodo.

Il prossimo trattamento antiperonosporico si potrà posizionare attorno alla metà della terza decade del mese di luglio con prodotti Rameici (Idrossidi, Ossicloruri..).
Ripristinare immediatamente il prodotto Rameico in caso di grandinate o di forti piovosità.
Contro l’Oidio, si consiglia di intervenire con una adeguata copertura utilizzando lo Zolfo micronizzato (attenzione alle alte temperature).

Ricordarsi sempre l’opportunità dell’impiego dello Zolfo in polvere, in particolare se in presenza del fungo!
Si ricorda di intervenire preventivamente contro la Botrite nella fase di invaiatura, soprattutto nelle varietà a grappolo chiuso (Pinot, Chardonnay, Tocai..)

Attenzione alla presenza degli Acari fitofagi. Intervenire al superamento di 10-15 Ragnetti rossi o di 5-6 Ragnetti gialli per foglia; solo dopo aver falciato l’erba (per allontanare gli insetti pronubi) e dopo aver controllato l’eventuale presenza degli acari predatori (Fitoseidi).
In caso di necessità impiegare prodotti a base di Clofentezine (30), Exitiazox (14), Etoxazole (28), Pyridaben (14), Tebufenpirad (28); (giorni di carenza).

Attenzione ai divieti sull’uso di determinate sostanze attive riportati nei Regolamenti Comunali di Polizia Rurale.
Fiorello