Bollettino agronomico 11 / 2017

Comunicato n. 11/17 del 20/07/2017

VITE: FINALMENTE SI STA CONFERMANDO L’INVAIATURA DEL PINOT GRIGIO E ANCHE QUALCHE GRAPPOLO DI MERLOT...e non solo.



Meteo: ultimo periodo meteorologico caratterizzato da una flessione termica ad iniziare dalle marginali piovosità di venerdi’ 14 luglio. Prossimi giorni con il recupero delle temperature e delle umidità, con generali condizioni meteo variabili.
Fenologia: riscontri sempre maggiori di acini invaiati in diverse cultivar. Patologie: si mantengono le presenze ancora contenute, per il periodo, della
Peronospora nei diversi ambienti viticoli, sia su foglie che su grappolo.
ll prossimo trattamento antiperonosporico si potrà posizionare attorno all’inizio della terza decade del mese di luglio con prodotti Rameici (Idrossidi, Ossicloruri..).
Ripristinare immediatamente il prodotto Rameico in caso di grandinate o di forti piovosità (con l’attenzione di cambiare il prodotto commerciale...).
Contro l’Oidio, si consiglia di intervenire con una adeguata copertura utilizzando lo Zolfo micronizzato (attenzione alle alte temperature).
Ricordarsi sempre l’opportunità dell’impiego dello Zolfo in polvere, in particolare se in presenza del fungo!
Si ricorda di intervenire preventivamente contro la Botrite in questa fase di invaiatura, soprattutto nelle varietà a grappolo chiuso (Pinot, Chardonnay, Tocai..) con prodotti a base di Ciprodinil+Fludioxonil, Fenexamide, Fludioxonil, Fluazinam, Fenpyrazamine, Pyrimetanil, Terpeni (Timolo, Geraniolo, Eugenolo) e Bacillus subtilis, o Bacillus amyloliquefaciens, o Aureobasidium pullulans (questi ultimi per le aziende biologiche...non dimenticando il Bicarbonato di potassio).
Puntuali e sempre maggiori le presenze di viti sintomatiche, in particolare del Mal dell’esca, rispetto alla Flavescenza dorata.

Attenzione ai divieti sull’uso di determinate sostanze attive riportati nei Regolamenti comunali di polizia rurale e/o non consigliati dai Protocolli/Vademecum viticoli.

Fiorello Terzariol