Bollettino Agronomico 04/2017

VITE: RIPRESA DELLE FASI FENOLOGICHE E ALTA L’ATTENZIONE NEI CONFRONTI DELLA PERONOSPORA.

Meteo: dopo circa un mese di un andamento meteorologico con basse temperature, dal 12 maggio sono iniziati a crescere i valori termici con medie che hanno superato i 20 e massime che hanno sfiorato anche i 30°C.

Fenologia: l’innalzamento termico ha attivato tutte le funzioni fisiologiche della vite che sta ora entrando nella fase prefiorale.
Patologie: attualmente pochi i riscontri della Peronospora primaria su tutto il territorio viticolo della nostra denominazione.
Il nuovo intervento antiperonosporico dovrà essere effettuato entro la fine della seconda decade di maggio, con prodotti endoterapici sistemici (Metalaxil, Metalaxil-M, Benalaxil, Benalaxil-M, Fosetil di alluminio... e Fosfonato di potassio o di disodio), oppure mantenendo l’utilizzo dei prodotti ad attività citotropica.
Contro l’ Oidio si ricorda di abbinare agli antiperonosporici endoterapici, antioidici con pari durata di protezione, tipo Triazoli o I.B.S., Quinoxyfen Spiroxamina, Cyflufenamide, Trifloxystrobin, Difenoconazolo, Fenbuconazolo...
Per le aziende che continuano ad operare con linee di difesa antiperonosporica di Superficie (Metiram, Mancozeb, Propineb, Folpet, Ditianon, Rameici.. Olio essenziale di arancio dolce), rimangono le attenzioni e gli accorgimenti più volte riportati: calendario di copertura attorno ai 7 giorni e il ripristino immediato dopo eventuali dilavamenti (attenzione al cambio del prodotto
commerciale se non rispettato l’intervallo da etichetta!!!).

In questo caso la difesa antioidica potrà avvalersi dell’utilizzo dello Zolfo micronizzato.
Sono terminati i voli delle Tignole (Eupoecilia ambiguella e Lobesia botrana) di prima generazione, con i monitoraggi che hanno evidenziato altalenanti riscontri nel lungo periodo a causa dell’ormai noto andamento meteorologico di quest’anno. Eventuali interventi potranno essere effettuati entro questi giorni se vengono impiegati insetticidi regolatori di crescita o al
massimo per gli stadi neo-larvali.

Attenzione ai divieti sull’uso di determinate sostanze attive riportati nei Regolamenti comunali di polizia rurale e/o sconsigliati dai Protocolli/Vademecum viticoli.

A cura di Fiorello Terzariol