Bollettino Agronomico 02/2017

VITE: Inizio dei trattamenti antiperonosporici 2017

Meteo: due diversi andamenti hanno caratterizzato il mese di aprile 2017: prima parte siccitosa e con alte temperature (anche 17°C di media) e seconda metà del mese con piovosità (in particolare dal 26 aprile) e abbassamento termico con due gelate il 19 e 21 del mese.

Fenologia: allungamento dei germogli nella prima metà di aprile, ma rallentamento fenologico nella seconda parte del mese a causa soprattutto del perdurare delle condizioni termiche piuttosto basse.

Patologie: dopo le indicazioni date per il primo trattamento antiperonosporico cautelativo per il 24 aprile, le piogge iniziate dal 26 dello stesso mese possono aver dato inizio alla prima reale infezioni peronosporica che, sulla base dell’andamento meteo che si è protratto nell’ultima decade di aprile con basse temperature (come più volte riportato) può aver determinato un’incubazione del fungo peronosporico piuttosto lunga, con un indice dell’80% che si potrà
raggiungere attorno alle giornate tra giovedì 4 e venerdì 5 maggio. Tali date sono quelle più opportune per intervenire con un trattamento antiperonosporico con prodotti di superficie (contatto/copertura) tipo: Metiram, Mancozeb, Folpet, Propineb, Ditianon e naturalmente Rameici (..aziende biologiche).

Si consiglia, in questa occasione, di utilizzare anche sostanze ad attività sistemica tipo i fosfonati e/o il fosetil di alluminio, con particolare attenzione alle miscele estemporanee, specie con i rameici, in quanto potrebbero causare fitotossicità.

Abbinare all’antiperonosporico lo Zolfo bagnabile/micronizzato (dosi di 300-400 grammi/ettolitro a seconda dei formulati) per il controllo preventivo dell’Oidio.

Si ricorda che l’azienda agricola è obbligata a seguire sempre le indicazioni sull’uso dei prodotti fitosanitari, emanate da eventuali Regolamenti Comunali di Polizia Rurale e, da determinate scelte nell’ambito della sostenibilità ambientale come consigliato nel Vademecum Viticolo della Doc Vini Venezia e del Prosecco Doc (NO Mancozeb e Folpet)!

A cura di Fiorello Terzariol