DATA:
Bollettino agronomico 02 2013



PERONOSPORA DELLA VITE: TRATTAMENTO CAUTELATIVO
Un andamento meteorologico sicuramente atipico ha caratterizzato questo primo quadrimestre del 2013. Le piovosità con oltre 400 mm d’acqua e 56 giorni di pioggia hanno quasi raggiunto la metà dei valori che si registrano annualmente.
L’ andamento freddo e piovoso ha determinato un inizio vegetativo (metà aprile) piuttosto ritardato sulla media fenologica degli ultimi anni, ma con un allungamento repentino del germoglio al primo innalzamento termico che si è registrato nella seconda decade di aprile recuperando, in parte, il ritardo vegetativo sopra descritto. Attualmente le varietà viticole presentano lunghezza dei germogli dai 2-3 ai 10 centimetri, mentre negli ambienti collinari a est della provincia di Treviso si stanno registrando germogli della Glera attorno ai 5 – 20 cm (giovani impianti anche con 30 cm), confermando l’anticipo fenologico che puntualmente si verifica in quell’area.
Considerati tutti questi fattori ed in particolare i fenomeni piovosi del 21, 22 e in parte del 23 aprile, si potrà procedere ad un intervento CAUTELATIVO contro eventuali ipotetiche infezioni di Peronospora primaria in quei vigneti che presentavano, in occasione di tali eventi piovosi, germogli superiori ai 10 cm di lunghezza.
Il trattamento antiperonosporico potrà essere posizionato attorno alla giornata di lunedì 29 aprile con prodotti di superficie (contatto/copertura) tipo: Metiram (classe tossicologica Xi), Mancozeb, Folpet (non indicato nel Vademecum viticolo), Propineb, Ditianon (tutti Xn) e naturalmente Rameici (..aziende biologiche).
L’intervento potrà essere idoneo anche in quei vigneti (in fase di inizio vegetativo) che negli anni scorsi hanno evidenziato la presenza dell’Escoriosi.
Si ricorda di abbinare all’antiperonosporico lo Zolfo micronizzato (anche a dosi di 300-500 grammi/ettolitro a seconda dei formulati) per il controllo preventivo dell’Oidio.
Attenzione a questo fungo, a cui sono sufficienti condizioni di temperature piuttosto limitate per iniziare il suo ciclo biologico e produrre quindi le prime infezioni.
Fiorello Terzariol