Doc Venezia

La DOC Venezia comprende tutto il territorio del Piave e la quasi totalità del Lison Pramaggiore, estendendosi dunque nelle province di Venezia e Treviso, dai colli di Conegliano alla laguna di Caorle. L’origine dei suoli della pianura veneta orientale si deve alla deposizione di materiali alluvionali derivanti principalmente dallo scioglimento dei ghiacciai alpini e prealpini e successivamente dall’azione del Piave e secondariamente del Livenza.

leggi il resto →

La pianura si può facilmente dividere in due parti, l’alta e la bassa pianura con linea di separazione data dalla fascia delle risorgive. Nella prima i suoli si caratterizzano per la presenza di conoidi ghiaiosi di origine fluvioglaciale e fluviale nei quali il sottosuolo risulta interamente costituito da ghiaie. Spostandosi verso sud, il ventaglio ghiaioso lascia lentamente posto a depositi con percentuali di sabbia sempre maggiori fino a giungere alla fascia delle risorgive dove la tessitura si fa più fine per la presenza di limi e argille. A partire da questa netta linea di divisione, inizia la bassa pianura che si caratterizza per suoli sempre più fini, fino alle alte percentuali di argilla, accompagnate dalla presenza di alte dotazioni di carbonati, delle zone più a sud. Su queste superfici è riconoscibile un modello a dossi, pianure modali e depressioni dove prevale la formazione di un orizzonte calcico in profondità (il cosiddetto caranto), e la presenza di una tessitura fine che va da quella limosa (nella pianura modale) a quella argillosa (nelle depressioni). Questo sistema interessa la bassa pianura della provincia di Treviso con delle evidenti propaggini che arrivano in tutta l’area del Lison-Pramaggiore (prov. di Venezia). L’omogeneità di suolo si concretizza con terreni superficialmente decarbonatati e presenza invece di caranto in profondità, la tessitura è limosa/argillosa o argillosa con tendenza a fessurare durante la stagione estiva. La sottile costituzione tessiturale è data dalla riduzione della capacità di trasporto dei fiumi man mano che si allontanano dalla zona alpina e prealpina, ciò permette la deposizione di sedimenti via via più fini fino ai valori dei limi e dell’argilla. A questi si intercalano suoli più recenti, ove la ricchezza in carbonati è più alta e con simile rapporti di tessitura.